mercoledì 4 settembre 2013

Colorare i capelli in modo naturale: L'Hennè ..e la mia esperienza!

Carissimi,
questo sarà un post un po' più lungo del solito. Vi parlerò, cercando di non dilungarmi troppo e scrivendo in modo chiaro conciso, di un metodo valido e alternativo di colorare i vostri capelli, riuscendo a coprire anche "gli amati capelli bianchi".
Qualcuno di voi lo fa già!?
Io lo faccio da quasi un anno, e ho notato miglioramenti al mio capello. Ma facciamo una piccola premessa, per capire di cosa stiamo parlando. :)

Oggi molte persone cambiano il proprio colore di capelli, più o meno frequentemente. E le tinture di capelli sul mercato si dotano di una fascia sempre più ampia di prodotti per poter soddisfare le tante esigenze di consumatori. Certamente parliamo di tinture con coloranti di sintesi che permettono di ottenere risultati immediati e soddisfacenti, ma che vanno col tempo ad alterare la struttura del capello. Stanno quindi aumentando le richieste,da parte dei consumatori, di tinture naturali. In tale ottica, i coloranti naturali, derivanti dalle piante sono per ora quelli che possono essere usati con tranquillità, poiché è nullo il pericolo tossicità per l’uomo e l’ambiente.
Di gran lunga la più utilizzata tra le erbe tintorie è L'Hennè, il cui nome botanico è Lawsonia inermis, deve questo nome al medico inglese John Lawson che, nel 1709, descrisse in maniera particolareggiata questa pianta in un libro pubblicato a Londra, mentre il termine inermis si riferisce al fatto che spesso la pianta è priva di spine. Un sinonimo è Lawsonia alba, che fa invece riferimento al colore bianco-rosato dei fiori. 
La Lawsonia, originaria delle regioni calde subtropicali e degli altipiani dell'Africa centro-orientale, è coltivata però soprattutto in India, Tunisia, Egitto, Sudan, Arabia, Iran, Cina ed anche in Florida.
La pianta può sopravvivere per oltre 100 anni!

Oggi le foglie di Lawsonia, seccate e polverizzate, sono utilizzate in cosmesi, in medicina ed anche nelle cerimonie religiose musulmane, ma anche per riti propiziatori. L'Hennè è stato adoperato con successo anche nell'industria tessile per la colorazione di molte fibre
Ma l'Hennè è utilizzato in Italia e nel resto del mondo soprattutto come tintura per capelli, in alternativa ai coloranti di sintesi chimica.
Le foglie secche e polverizzate della Lawsonia vengono stemperate in acqua calda, in modo da ottenere una pappetta fluida che viene subito applicata sui capelli e lasciata agire da 30 minuti a un'ora, o anche di più se si vuole ottenere una colorazione più intensa, avendo l'accortezza di avvolgere la testa con una cuffietta di plastica o stagnola, per far sì che l'impacco non si asciughi, ciò che impedirebbe all'Hennè di esplicare in pieno la sua azione

Questa preparazione può essere completata dall'aggiunta di un cucchiaio di aceto o limone all'impasto, subito prima dell'applicazione sui capelli, oppure da alcuni cucchiai di yogurt bianco intero se i capelli sono lunghi, ricciuti o secchi.
l'aggiunta di aceto o yogurt, entrambi acidi, contribuisca a fissare meglio la colorazione sul capello; in questo modo si ottengono riflessi più duraturi e si evitano quelle perdite di intensità della colorazione, che alcune persone lamentano dopo qualche lavaggio.
La scelta fra aceto e limone, o yogurt dipende solo dal tipo di capigliatura, e dal fatto che si sia in presenza di cute grassa, nel qual caso è preferibile usare limone o aceto, anche di mele, o di cute secca o capelli lunghi, secchi o ricci, nel qual caso è preferibile lo yogurt, che nutre e ammorbidisce i capelli, mitigando anche l'azione leggermente dissecante dell'Hennè. In effetti il lawsone, che è il principio colorante più importante dell'Hennè, in ambiente leggermente acido favorisce il legame fra la fibra dei capelli e la tintura, rendendo quindi la colorazione più veloce e duratura. La colorazione diventa anche più scura allungando il tempo di contatto con le molecole coloranti, poiché una maggior quantità di esse riesce a legarsi alla struttura dei capelli.

L'Hennè, al contrario delle tinture chimiche, non penetra all'interno del capello, ma si deposita e lega sulle squame della sua cuticola; si ha così un effetto "sostantivante", cioè il diametro del capello aumenta leggermente, e la capigliatura diventa più voluminosa e resistente agli agenti esterni, oltre che più luminosa e dall'aspetto "sano".
In tutti i casi, dopo l'applicazione dell'Hennè è necessario un accurato risciacquo e uno shampoo che va fatto almeno dopo 24 ore per evitare di togliere subito il colore, che dopo averlo fatto si ossida pian piano con l’aria. Inoltre è necessario proteggere le mani con guanti di gomma, per evitare che anch'esse si colorino, poiché la pelle contiene una sostanza, la cheratina, che è la stessa che troviamo nella struttura del capello.

L'Hennè dona riflessi rosso-ramati ai capelli castani o bruni, rosso-rame intenso ai capelli biondo-scuro, rosso-carota ai capelli biondo-chiaro; è sconsigliato per i capelli ossigenati o bianchi, ai quali dà una colorazione rosso-carota violenta, veramente eccessiva e non gradevole. In realtà la colorazione è sempre la stessa; le differenze che appaiono sono dovute esclusivamente al colore di fondo dei capelli, sui quali è applicato.
Si possono ottenere delle variazioni a quanto appena detto, miscelando l'Hennè con altre piante tintorie, come il mallo di noce e il cosiddetto Hennè nero (Indigofera tinctoria species), ed altre piante che rendono i riflessi rossi più tendenti al mogano, al castano, al nero, al biondo, ma questo effetto è poco duraturo perché il colore dato da queste piante è molto più leggero dell'Hennè e viene perso con alcuni lavaggi, quindi l'applicazione va ripetuta spesso, all'incirca ogni 10-15 giorni, a seconda della frequenza degli shampoo.
Per il colore biondo in particolare, il cosiddetto hennè biondo serve solo a dare riflessi dorati e luminosi a capelli già chiari, ma non ha nessun potere schiarente su capelli castani. (Questa miscela di Centifolia contiene camomilla e rosmarino, ma se trovate composizioni con il rabarbaro vanno comunque bene. L’hennè biondo (hennè blond) è quindi perfetto per capelli che vanno dal castano chiaro al biondo. Attenzione anche a coloro che vogliono conservare i capelli chiarissimi: l’hennè blond tende a scurire dopo diverse applicazioni.) Per ulteriori info clicca QUI.
Aggiungere una piccola quantità di polvere di Tè nero, o il suo infuso concentrato, alla miscela da applicare sui capelli, non modifica di molto l'intensità del colore, ma ne rende il riflesso un po' più brillante.


Spesso alla polvere di foglie di Hennè viene addizionato un colorante sintetico, il picramato di sodio, che permette di raggiungere tonalità di rosso più o meno accese a seconda della concentrazione (generalmente fra il 2-3%), impossibili da raggiungere con la Lawsonia. E' possibile ottenere comunque colorazioni molto più intense col solo Hennè, da effettuare solo su capelli castani, sia chiari che scuri, allungando il tempo di posa anche per tutta una notte, avvolgendo il capo con un asciugamano. Chi ha la capigliatura con una piccola percentuale di capelli bianchi, può utilizzare l'Hennè miscelato al mallo di noce o all'Hennè nero (Indigofera sp.) in modo da ottenere un colore non troppo aranciato sui capelli bianchi, che assumeranno così una tonalità più calda che simulerà la presenza di mèches ramate, con effetto d'insieme abbastanza gradevole (ricordando però di effettuare applicazioni abbastanza ravvicinate, ogni 10-15 giorni circa). 

L'uso dell'Hennè è raccomandato a chi ha la cute grassa, forfora, capelli fragili, sottili, sfibrati, opachi, con doppie punte, poiché riduce tutti questi problemi e, con l'uso costante addirittura li elimina: non per niente le donne orientali, che usano l'Hennè da secoli, sono famose per i loro splendidi capelli.
Chi volesse invece sfruttare il potere "curativo" dell'Hennè, ma non desidera cambiare la propria colorazione, può utilizzare il cosiddetto Hennè neutro (Cassia obovata), che migliora la capigliatura e rinforza i capelli, senza alterarne il colore.


Per concludere, l'utilizzo dei coloranti vegetali permette di ottenere in molti casi dei riflessi di notevole bellezza, ma spesso presenta dei limiti di fronte alla eterogeneità di situazioni che si possono presentare, come numerosi capelli bianchi, capelli sottoposti a trattamenti di permanente, stiratura, decolorazione e tintura (in questi casi si rischia addirittura di ottenere tonalità di colore verdastre!).
C'è inoltre la difficoltà ad ottenere tonalità scure, come nero e castano, che rende i coloranti vegetali in particolar modo dipendenti dalla "base" su cui vengono applicati.

Info prese da QUI.
Vi lascio anche il post del mio amico-blogger Pietro che ha fatto una tabella elencando le varie erbette e le loro caratteristiche. Cliccate QUI
Per ulteriori info sulla Cassia, cliccate QUI.

Gli e-commerce che rivendo le erbe tintorie:
(Se ne ho dimenticato qualcuno segnalatemelo nei commenti!)

Ecco Verde
Verobiomercato
Vecchia Bottega
Amici di Natura 
Cosmetici eco bio
Verdealternativa
Greenstore (con negozio fisico a Genova)
Eco bio lovers
Il giardino di Arianna
Biocamelia
Le Erbe di Janas
Tathia moda&biocosmesi (con negozio fisico a Francavilla di Sicilia)
Preziosi Eco bio
Bioprofumeria Alchemilla (con negozio fisico a Massafra, provincia di Taranto)
Thymiama bio profumeria (con negozio fisico a Milano, Bologna e Roma)
Katia centro Aloe (con negozio fisico a Bari)

Fate attenzione, magari nella vostra città potrete trovare negozi fisici dove acquistare i prodotti! :)




Ora troverete,qui di seguito, le foto delle mie esperienze con l'hennè e le mie considerazioni su gli hennè di alcuni brand, che ho usato :)

Le foto partono dalla mia 4° hennata (gennaio 2013), poiché le prime 3 hennate le ho fatte usando esclusivamente l'hennè castano scuro della KHADI, un brand tedesco con il quale mi sono trovata benissimo e che riacquisterò volentieri.
L'hennè castano scuro, al contrario del classico hennè rosso, non va fatto ossidare. Percio' ho preparato la miscela con acqua calda quanto basta e applicando la pappetta sui capelli e tenendolo in posa per circa 3/4 ore. Il risultato è stato ottimo già dalla prima hennata, con i capelli bianchi,che solitamente ho sotto il ciuffo, che hanno preso dei riflessi ramati (poiché il castano scuro contiene comunque il lawsonia che è il rosso + l'indigo e altre erbetto scurenti che virano il colore verso tonalità più scure).
Va via facilmente e la polvere non è esageratamente granulosa.



Prima della 4° hennata (gennaio 2013) Usato solo hennè castano scuro Khadi.


4° hennata: 50 gr castano scuro Khadi + 50 gr di rosso Khadi. Tempo di posa 3h e mezzo.
5° hennata (marzo 2013)



5° hennata dopo il primo shampoo(quindi dopo circa 24h) (marzo 2013)

Per la mia sesta e settima hennata ho usato l'henné della SANTE NATURKOSMETIK, mischiando sempre castano e mogano. Non è malaccio eh!??! Ma ho notato che è più granuloso di quello Khadi, ho fatto più fatica a sciacquarlo. E come risultato preferisco sempre quello della Khadi.  Mi manca pero' la sesta hennata di Maggio 2013, perdonatemi. Era sempre della Sante cmq. 
E perdonatemi se non ricordo l'intruglio fatto qui nella foto :(



Gli henné di Luglio e Agosto 2013 li ho fatti usando i prodotti di "Le erbe di Janas". La linea comprende vari tipi di polveri curative utili per i problemi del capello, come la caduta, ma anche per chi ha dermatiti ecc. Ma potrete trovare anche olii vegetali, burri e materie prime. Troverete le info sulle erbette curative sul loro sito! E per acquistare i prodotti potrete ordinare da loro (con spese di spedizione pari ad 8€) oppure da altri rivenditori che vi ho citato  all'inizio del post. 
Sto usando polveri quali Henné "Tono Freddo" (color rosso ciliegia), Katam (che da dei riflessi violacei e non ha bisogno di ossidazione prima di essere applicato). Ed ho preso anche un erbetta curativa per rafforzarli che è il Bhringray, ma che devo ancora utilizzare (e non ha potere colorante, ma solo curativo, utile per la caduta). Sto adorando queste polveri, infatti penso che acquisterò  prodotti da questo brand! (Anche se vorrei provare altri henné, come quello della Tea Natura e Phitofilos.)

L'obiettivo, per ora, è quello di avere più riflessi senza esagerare e arrivare ad avere un rosso acceso.

Ecco i risultati di Luglio ed Agosto :)


Ed ecco Agosto :)
Foto scattate appena fatto l'hennè. Fine Agosto 2013
Qui la foto sempre di fine agosto, ma scattate la mattina dopo col sole del 8.30. Senza aver fatto shampoo, infatti li ho lavati dopo 4/5 giorni :)
Per sapere cosa ho usato guardate la foto che sta subito prima :)
Per le prossime hennate pubblichero' altri post singolarmente, con le varie ricettine/intrugli :D
E per concludere vi dico che le info sono state prese su internet perché dopotutto mi informo da qui, cercando siti attendibili e recensioni. 

Non faro' più tinte a meno che non decida di diventare biondo platino, ma non credo sia il caso ! xD
Da quando sono passata al bio i miei capelli stanno da Dio! :)

E le marche che preferisco sono Khadi e le erbe di Janas. :) 
Qualora ne provero' altre vi faro' sapere! :)

E la vostra esperienza?!?! Avete mai fatto l'henné?

A presto.
Gianfranca


12 commenti:

  1. Ciao, post ben scritto e ricco di informazioni complimenti :)
    mi piaceva molto anche il colore che avevi con l'hennè castano e concordo che khadì e janas sono le marche migliori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta ti sia piaciuto, cara Licia! :)
      Khadi sì trovo sia fenomenale. Mentre Le erbe di Janas è più fornita come erbe tintorie e curative, così da poterci fare tanti bei impacchi! :)

      Elimina
  2. Ciao! Bellissimo post...molto utile specie in questo periodo...ho in mente di provare l'henné neutro!
    Ti segnalo quest'altro e-commerce gestito da Arianna, persona carina, disponibile e attenta!
    http://www.preziosi-ecobio.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie, sono contenta che ti sia piaciuto. :)
      Grazie per la segnalazione, l'ho inserita tra gli e-commerce :)
      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Questo post casca a ppennello e vorrei complimentarmi per come è stato scritto. Se non ti dispiace, lo condivido in pagina, davvero complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentinzia! Grazie per esserti unita al mio blog. :)
      Ho cercato di trovare il sito che parlasse dell'henné nel modo più chiaro e conciso possibile, l'ho anche citato per correttezza infatti. :)
      E dopo ho insierito la mia esperienza!
      Poi per eventuali novità ed altri impacchi scrivero' altri post :)
      Grazie comunque, grazie tante <3
      diventa pure fan della mia pagina e passami la tua pagina se ti va!
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Che meraviglia :)
    Di solito leggo difficilmente i post molto lunghi, ma questi qui è stato molto piacevole cara, soprattutto perché poi mi sono accorto che c'ero anche io ahauhauhahaua
    <3 mi piace molto :) davvero completo e comprensibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro! Grazie infinite!
      Sono contenta di aver trovato qualcosa di facile , di facilmente comprensibile!
      E poi adoro il tuo blog e i tuoi post :*
      Grazie infinite. <3

      Elimina
  5. Davvero interessante, mi è piaciuto molto il risultato dell'hennè castano scuro della khadì, dona un leggero riflesso, senza virare sul rosso, perfetto per me! Prima o poi lo proverò ;-)

    http://pinkfreezeblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!
      Sì sono veramente ottimi!
      Te li consiglio, ma se hai fatto una tinta devi aspettare almeno due/tre mesi prima d fare l'hennè.

      Un abbraccio!

      Elimina
  6. Davvero utilissimo questo post! Io non ho mai fatto nulla sui miei capelli...
    Complimenti per il blog! Ti ho appena scoperta e ti seguo con molto piacere :*

    RispondiElimina
  7. ciao, sono nuova!
    Bel post, molto utile e dettagliato!
    Ti seguo, passa se ti va :)

    http://lavitaebellatanto.blogspot.it/

    RispondiElimina